U PUVIREDDU

‘N picciriddu  picciriddu, puvreddu  puvreddu
cammnava ‘e strati strati ca paria ‘n vicchiareddu.

Trascinava li gammuzzi, comu scroppi ‘nsiccamati,
e avia li gargiuzzi sculuruti e arrappati.

Cu li manu sicchi sicchi e li pè mptrati
dumannava  a li ricchi  ch’ scuntrava  p’ li strati.

Nenti avennu n’ la panza e cu sculu nto nasuzzu,
s’ durmìa  strata strata  e bivìa  a ogni puzzu.

Sulu l’occhi avia beddi, ranni e chini d’nnucenza
ch’ disiavnu, taliannu, fari ncorchi cunfdenza.

Du’ occhi accussì ranni e chini d’ ducizza
ch’ bramavnu, taliannu, aviri ‘na carizza.


                                                                                   AUTORE  IGNOTO


Studiata alla Scuola Elementare di Valguarnera. Classe del  Maestro Incarbone (Mariano?) di Piazza Armerina fine anni ’40 e primi anni ’50
++++

Questa poesia ricordata dal Sig. Antonino Ippolito in maniera frammentaria spero possa essere trascritta e completata da qualcuno che ne conserva l’originale versione così da saperne anche l’Autore.
Nel frattempo assieme a lui abbiamo cercato di ricostruire le parti mancanti con il nostro massimo impegno.
Chi avesse notizie utili in merito può telefonarmi al 335 80 89 193.


Salvatore Consolo ([email protected])