Vincenzo il fontaniere: IL VELENO PER I TOPI

Giuseppe Di Fonte, commerciante di Valguarnera, passava il periodo estivo nella sua casa di campagna, in contrada Mandrascate. Quella volta, prima di traferirsi per la stagione estiva, si accorse che stranamente, nella sua residenza di villeggiatura, si vedevano topi dappertutto. Certamente non poteva portare la famiglia in campagna in quelle condizioni. Si sa. le donne […]

IL MESSICANO

Don Calogero, di mestiere messo comunale, era fiero dell’orticello che aveva creato nel suo appezzamento di terreno in contrada Mandrascate. Durante l’estate riusciva a produrre pomodori, melenzane e peperoni per la famiglia. Tutta roba di grande qualità perché l’acqua che usava era potabile e, quindi, niente prodotti che potessero nuocere alla salute. Nel terrazzo della […]

Vincenzo il fontaniere. I CIOCCOLATINI PURGATIVI

Tutti sanno che nelle farmacie sono in vendita dei finti cioccolatini che si danno ai bambini per purgarli. Vincenzo il fontaniere quando venne a sapere della loro esistenza ne inventò una delle sue. Al Circolo Operai di Valguarnera, la sera si giocava a carte. Un gruppo di cinque amici, ogni sera si riuniva per giocare […]

LA BOTTIGLIA DI VINO

L’archivio del Comune di Valguarnera era collocato a piano terra del Palazzo di città, proprio dietro l’Ufficio Anagrafe, lì dove lavorava Zio Ciccio, uomo di grande esperienza anche per la sua anzianità di servizio e grande conoscitore dell’animo umano. Ogni tanto, gli impiegati comunali che prestavano servizio in quell’Ufficio, usavano organizzare una schtcchiàta proprio nei […]

Vincenzo il fontaniere: IL PERGOLATO

Contrada Mandrascate si trova a pochi minuti di macchina dal centro abitato di Valguarnera, anche se i proprietari di tutta la zona sono cittadini valguarneresi, la contrada fa parte del territorio di Enna. Se dalla periferia di Valguarnera (grotte di Baldassare) si guarda verso Mandrascate si rimane, come si suol dire, a bocca aperta, si […]

Vincenzo il fontaniere: I DUE OMBRELLI

Quel giorno di gennaio, subito dopo le feste natalizie e il Capodanno, pioveva e quella pioggia era proprio ciò che serviva all’agricoltura: nè forte nè piano, in modo che i terreni seminati a grano l’assorbissero tutta. Si discuteva di questo all’interno del Circolo Operai San Giuseppe . – Acussì i vddàn su cuntènt; – Ma […]

Vincenzo il fontaniere: I CONIGLI INCUSTODITI

Il Fontaniere Capo (Vincenzo) del Comune e gli aiutanti fontanieri, all’epoca, erano tutti cacciatori di conigli. In paese i cacciatori erano così numerosi che si aprì un circolo dove la sera si incontravano e c’era la gara a chi la sparava più grossa. Un nostro compaesano, che insegnava a Roma, quando si apriva la caccia […]

Vincenzo Il fontaniere: LA FIAT 127 TRUCCATA

Quando Vincenzo il fontaniere e Svampa Lavùr andavano a caccia insieme, partivano dal paese la mattina mentre era ancora buio. Vincenzo si sedeva dietro assieme al cane, il suo compagno alla guida, mentre nel sedile di davanti mettevano la gabbia con il furetto. Svampa Lavùr, visto che la macchina era sua, voleva decidere da solo […]

Vincenzo il fontaniere: I MARENGHI D’ORO

A Vincenzo il fontaniere piaceva andare a caccia di conigli selvatici in compagnia di un suo grande amico, anche lui grande appassionato cacciatore. Era un tipo molto simpatico ma un po’ nervoso e, come si dice dalle nostre parti, “svampa lavùr”. Per questo suo carattere si prestava perfettamente agli scherzi del fontaniere. Così, dopo ogni […]

Vincenzo il fontaniere: PUPA

Chi era Pupa? Pupa era un cane, anzi una cagnolina che passava tutto il giorno, dalle 7 di mattina fino alle 13, con Vincenzo il fontaniere. Sì, proprio così perché a ora di pranzo rientrava a casa dai suoi padroni. E’ stato sicuramente un caso raro. Pupa lasciava la casa dei suoi padroni alle 7 […]